L’Alimentazione dell’atleta: Il Bilancio Calorico

pubblicato in: L'Alimentazione | 0

Lo scopo dell’alimentazione è quello di compensare, attraverso un apporto adeguato di nutrienti, il consumo di energia e di materiali biologici provocati dal metabolismo basale e da quello funzionale (aumento del metabolismo dovuto all’attività fisica).
Nell’atleta, questa compensazione deve avvenire in modo particolarmente preciso, in quanto le prestazioni sportive elevate possono essere ottenute solo in base ad un allenamento ed una alimentazione ottimali.
Attraverso l’alimentazione si mantengono in equilibrio i cinque bilanci energetici: il bilancio calorico, il bilancio alimentare, il bilancio dei fluidi, il bilancio delle sostanze minerali ed il bilancio delle vitamine.

Il Bilancio Calorico
Il bilancio calorico comprende il consumo di energia dovuto alla combustione dei carboidrati, dei grassi e delle proteine e la loro ricostituzione grazie all’assunzione di alimenti.
Il valore calorico di un grammo di carboidrati o di proteine è di circa 4,1 kcal, quello di un grammo di grasso circa 9 kcal. Per il metabolismo energetico, sono importanti soprattutto i carboidrati ed i grassi, per quello strutturale (anabolismo) le proteine.
Nell’assunzione e nell’assimilazione degli alimenti, a causa dell’effetto dinamico specifico dei nutrienti ed a causa dei processi di digestione, si producono perdite di energia. Quindi, per effetto dinamico specifico si deve intendere la perdita calorica che si produce a causa del loro assorbimento o della demolizione e ricostituzione delle sostanze contenute negli alimenti. Per le proteine ammonta a circa il 22% – di qui i regimi proteici nelle cure di dimagrimento – per i carboidrati all’8% e per i grassi al 4%. In una dieta mista, si può calcolare una perdita media di circa il 10%. Dunque, per classificare correttamente, secondo il loro valore reale, gli alimenti assunti, allo scopo di valutare il necessario apporto calorico, occorre tenere conto delle perdite che si producono per l’effetto dinamico specifico ed il processo di digestione. Il bilancio calorico viene determinato dal metabolismo basale – che ne richiede circa il 60% per la produzione di calore e per mantenere costante la temperatura del corpo – e dal metabolismo funzionale, cioè dal bisogno di energia necessario per le prestazioni fisiche ed eccedente il metabolismo basale.

Il Metabolismo Basale
Nell’uomo, il metabolismo basale ammonta a circa 1 kcal all’ora e per kg di peso corporeo. Le donne hanno un fabbisogno del 5-10% minore, in quanto, possedendo una maggiore quantità di tessuto adiposo sottocutaneo, hanno un migliore isolamento e, quindi, una minore perdita di calore.

Il Metabolismo Funzionale Raggiunge, ovviamente, livelli diversi a seconda dell’intensità e della durata dell’attività e per la pallavolo, praticata a livello agonistico, corrisponde a circa 6-8 kcal/kg/h.

Bibliografia
“L’allenamento ottimale”, J.Weineck